Ssshh, silenzio!

Pensi troppo, giuro, davvero! Pensi troppo, sempre. Pensi a quello che è stato e quello che sarà, e come dovrà essere e come avrebbe potuto diventare.
E cosa ci guadagni? Credi davvero che sia più facile vivere così? Credi che sia la cosa migliore?
Lo so. Non riesci a non farlo. Vorresti che qualcuno ti desse la ricetta miracolosa per staccare la spina, per bloccare i percorsi mentali vecchi e nuovi. Beh, ti confido un segreto: non esiste nessuna ricetta.
Non fraintendermi. Voglio dire: un modo c’è, d’altronde c’è sempre, ma non è una ricetta facile facile da poter tirare fuori all’occorrenza, dosare un po’ di questo e un po’ di quello e il gioco è fatto! Dovresti imparare, con calma e costanza, a seguire di più le tue emozioni, a lasciare andare i sentimenti, a fidarti del tuo istinto. E’ il vecchio trucco di seguire la pancia e zittire la testa. Facile a dirsi, molto meno a farsi per chi come te è abituato da decenni a fare tutto il contrario.
Guarda il lato positivo: potrebbe essere entusiasmante provare una cosa nuova, come percorrere una strada mai fatta per andare a lavoro. E magari poi scopri che la nuova strada è più facile, meno trafficata e con un paesaggio migliore. D’altronde, è sempre stimolante cimentarsi in qualcosa per la prima volta. Potrebbe anche darsi che ci prendi gusto, chi lo sa! Se mai provi, mai lo saprai.
Stai in silenzio. Tanto sai bene come funziona la tua testa. Senti quando un pensiero arriva, sai benissimo cosa sei capace di costruire su quel singolo pensiero, interi film con prequel e sequel, personaggi e sceneggiatura inclusi.
Lascia fare!
Preparati una serie di scemenze su cui focalizzare l’attenzione per quando arriverà il prossimo pensiero (che tanto arriva, è solo questione di tempo!): la faccia di Homer Simpson, una copertina di Topolino, una scena di Friends… Cose così! Oppure, guarda, se vuoi ti dò anche alternative rilassanti: un tramonto sul mare, la tua gatta che fa le fusa, un camino scoppiettante… Tutto pur di evitare le prossime venti o trenta sceneggiature che hai in testa a disposizione!
Fai come me e renderai unica la tua vita, imparerai a non vivere di rimpianti, assaporerai ogni attimo a tua disposizione. Vivrai la tua follia!

Annunci

A braccia aperte

Le tue parole mi fanno compagnia, la tua voce mi segue la sera quando sono sola, quando mi ritrovo con me stessa e faccio fatica a mettere a dormire un altro giorno. Ho bisogno di vederti. Di capire che sei reale, quanto me. O forse di più. Ho bisogno di guardare i tuoi occhi e leggere un’emozione, senza necessità di spiegare. Ho bisogno di odori sapori gesti. E sembra così banale adesso chiederteli, perché dovrebbe essere normale averli a portata di mano. Invece, normale non è, affatto. Hai anche tu la sensazione che sia speciale proprio perché non è normale? Pensi anche tu che, qualunque cosa accada, non sarà mai normale? No, non rispondere. Ho paura che tu sia d’accordo con me, così come ho paura ogni volta che le stesse parole escono veloci dalle nostre labbra.
Avvicinati a me senza fretta, ché la fretta mi spaventa. Prova ad avere pazienza, quando ti accorgerai che un passo verso di me mi spinge ad indietreggiare. E’ tutto così strano, per me. Non mi riconosco, non riconosco le mie reazioni. Come un computer guidato da un accesso remoto: io lo guardo e so che è mio, perché l’ho usato così tante volte, e all’improvviso fa cose che non capisco, cose che non credo di essere capace di fare. Prima o poi, l’accesso remoto spegnerà il collegamento e riprenderò confidenza con il mio sistema. E’ solo questione di tempo.
Per questo, non ti chiedo niente, se non di stare qui. Avvicinati a me con la tua vita, con i tuoi ricordi. Tu sai tutto di te. Sai cosa ti ha fatto diventare quello che sei, sai da dove vieni, conosci i tuoi percorsi mentali, le tue paure e i tuoi desideri. Io non so niente di te. Non ancora, forse mai. Non m’importa saperlo. Voglio capire chi sei adesso, voglio entrare nella tua vita da questo istante in poi. Apri le tue mani e guardale. So cosa vedi. Pezzi di ciò che è stato, le tue ferite, i tuoi gesti lontani, le strette di mano, le carezze, gli schiaffi. Guarda le tue mani e offrimi i tuoi giorni e lì, proprio lì fra quelle linee dove tu vedi il tuo passato, io vedo il mio futuro.

arcanamea

“Noi non vediamo le cose come sono, noi le vediamo come siamo.” (Talmud)

la stanza dei pensieri

pensieri in disordine

Tatiana Martino

-illustrAutrice-

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Lo Schiaffo

ti arriviamo diritti in faccia

Estro e Fornelli

La passione che passa attraverso il palato

Confessioni di una mente Cinica Isterica e Romantica

Non si è mai abbastanza pronte per uno stronzo

la prima notte d'estate

strade diritte e pensieri curvilinei

Sendreacristina

Opere. (tell : 3403738117 )

Tioly Shore

L'idea mi è nata mentre ero seduto sulla tazza. Quella che uso per fare colazione.

pensierifusi

Un posto dove scrivere

Cammello Blu

Le cose che non capisco

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

filosofo79

io, me e l'Altro: dove il silenzio è talvolta rotto da Alberto Trentin

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

LE PAROLE PER DIRLO

"Le parole sono l'impronta che lasciamo volando via". (A. Tabucchi)

im1dreamer

Ai sognatori e ai folli, perché in fondo sono la stessa cosa.

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Diario di un 35N ( anche se non lo sono più)

idee e opinioni della mia quotidianità

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

aMe's world

Welcome to aMe's world. I'll show you my illusion.

Emozioni in immagini

Le cose sono unite da legami invisibili. Non puoi cogliere un fiore senza turbare una stella. (Galileo Galilei)

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

La vita è bella

diario semiserio e surreale di vita vissuta

la memoria dei pensieri

contenitore di parole in libertà

rossaho

Tanti secondi messi insieme fanno una vita intera...

Ombra

contenitore di parole in libertà

Manuel Chiacchiararelli

Writer, photographer, explorer

Vince e il mondo

Per lo più cazzate e deliri

andreapalazzopalix

This WordPress.com site is the cat’s pajamas

Il vento cambia

Per chi ha voglia di aria nuova

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: