Passo dopo passo

Un passo. In avanti. Sta rimettendo in circolo l’energia. La osservo da un po’. Fin dall’inizio.

La osservo in silenzio. Non voglio farmi sentire, non voglio che sappia che sto qui a guardarla. Non deve pensare che voglia metterle fretta o che la stia giudicando perché ha deciso di prendersi tutto questo tempo senza muovere un dito.

È così che doveva andare. Ora, credo che sia giunto il momento che lei capisca che può diventare quello che desidera, quello che avrebbe potuto essere già da tempo se solo avesse voluto.

Avrà paura di sbagliare strada, avrà paura di cadere di nuovo, così come avrà modo di capire che la strada giusta non esiste,  di capire che dopo ogni caduta ci si rialza più forti.

Eccola. La sento. Si chiede spesso se abbia un senso quello che sta facendo. Mi verrebbe da dirle che il senso deve trovarlo dentro se stessa e che qualunque cosa che la faccia sentire sbagliata va eliminata. Non esiste un senso assoluto, esiste il senso relativo che diamo alle cose, che cambia costantemente. Mi verrebbe da dirle che si deve fidare del suo istinto, che non sbaglia mai. L’istinto è più rapido della ragione, trova in un lampo la stonatura, la dissonanza, quel dettaglio che le fa aggrottare le sopracciglia per un secondo, che la fa sentire a disagio.

Eppure continuo a tacere. Perché lei sa già tutto, perché prima o poi lo scoprirà. Perché non te lo spiega mai nessuno cosa fare, devi scoprirlo da solo.

E lei ha già scoperto così tante cose, il passato appartiene ad un’altra vita, ad un’altra persona. Non era oro tutto quello che brillava, perché ora non brilla più. Magari non era neanche amore, anche se un tempo sembrava l’unica cosa certa che avesse. Cambia tutto, in continuazione. Cambiano i punti di vista, gli obiettivi, i desideri. Cambiano i significati delle cose, quello che prima era fondamentale ora non vale niente e una idiozia qualunque diventa essenziale.

Lentamente si sta svegliando, si tira su e chiude l’ombrello perché sta smettendo di piovere.

Un altro passo, e un altro ancora. Deve continuare a camminare, ad andare avanti. In un giorno come tutti gli altri. Il primo giorno diverso.

In mezzo al mare.

Ho preso un fiore dalle tue mani, rosso come le ali di una farfalla e giallo come i raggi del tuo sole.
Ho preso un bacio dalle tue labbra, morbido come zucchero filato e umido come le lacrime della notte.
Non c’è perdono senza dolore, non c’è speranza senza oblio.
Ho sofferto per poterti perdonare, ho dimenticato per ricominciare.
Devo allontanarmi da te con la stessa dolcezza con cui ti ho trovato.
E solo quando tutto questo sarà un ricordo, potrò ritrovare un angolo per te.
Ti ho sussurrato parole silenziose, mi ascoltavi con i tuoi occhi e mi parlavi con le tue mani.
E poi ho gridato per far giungere la mia voce nel punto lontano che conservava qualcosa di te.
Affacciandomi sul bordo del dirupo, ho sentito un’eco che mi riportava il tuo odore.
Si cambia, continuamente. Non sarò mai più quello che tu ricordi, non sarai mai più la persona che amavo.
Parto nel mio mare in tempesta, non ho ancore e non voglio bussole.
Mi faccio trasportare dal vento, non ho bisogno di strade e bivi e salite e discese.
Vado dove più mi aggrada, mi fermo al tramonto e riparto quando il sole sorge.
Il sole della mia vita, ché ne avrò una sola da vivere e oggi ho davvero poca voglia di sprecarla.
Ho preso l’abitudine di fare a meno di te.
E ora so che potrei abituarmi all’assenza di chiunque al mondo. Ma non posso fare a meno di me.

arcanamea

“Noi non vediamo le cose come sono, noi le vediamo come siamo.” (Talmud)

la stanza dei pensieri

pensieri in disordine

Tatiana Martino

-illustrAutrice-

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Lo Schiaffo

ti arriviamo diritti in faccia

Estro e Fornelli

La passione che passa attraverso il palato

Open-Eyed Dreamers

It's all about the Dreams...

Confessioni di una mente Cinica Isterica e Romantica

Non si è mai abbastanza pronte per uno stronzo

la prima notte d'estate

strade diritte e pensieri curvilinei

Sendreacristina

.....Artista a Verolanuova..... (tell : 3403738117 )

Tioly Shore

L'idea mi è nata mentre ero seduto sulla tazza. Quella che uso per fare colazione.

pensierifusi

Un posto dove scrivere

Cammello Blu

Le cose che non capisco

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

filosofo79

io, me e l'Altro: dove il silenzio è talvolta rotto da Alberto Trentin

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

LE PAROLE PER DIRLO

"Le parole sono l'impronta che lasciamo volando via". (A. Tabucchi)

im1dreamer

Ai sognatori e ai folli, perché in fondo sono la stessa cosa.

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Diario di un 35N ( anche se non lo sono più)

idee e opinioni della mia quotidianità

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

aMe's world

Welcome to aMe's world. I'll show you my illusion.

Emozioni in immagini

Le cose sono unite da legami invisibili. Non puoi cogliere un fiore senza turbare una stella. (Galileo Galilei)

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

La vita è bella

diario semiserio e surreale di vita vissuta

la memoria dei pensieri

contenitore di parole in libertà

rossaho

Tanti secondi messi insieme fanno una vita intera...

Ombra

contenitore di parole in libertà

Manuel Chiacchiararelli

Writer, photographer, explorer

Vince e il mondo

Per lo più cazzate e deliri

andreapalazzopalix

This WordPress.com site is the cat’s pajamas

Il vento cambia

Per chi ha voglia di aria nuova

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: