Quanto è facile!

è giorno, lo sento e lo vedo filtrare dagli scuri della finestra.
sogni strani appiccicati addosso, echi di ferite e smanie di un tempo. cose che credevo seccate, acquietate, sepolte. ho la sensazione che non sarà una giornata come le altre. sarà un giorno da ricordare, spartiacque fra quel che è stato e quel che sarà. un disagio che preme, una voce che sussurra, un pensiero che martella. lasciami, vai via lontano, non ti fare più vedere né sentire. abbandona la mia mente, libera il mio stomaco da questa morsa infernale. non ho bisogno di te. ho costruito tutto il mio presente nella convinzione di non avere bisogno di te. sei un desiderio pericoloso e incostante, sciocco e testardo. ti ho osteggiato, controllato, azzittito. e sei ancora qui, vivo pulsante insistente. non è bastato dire gridare urlare quello che io voglio, non è bastato incanalare le mie energie fin dove non potessi arrivare, non è bastato idealizzarmi in quell’immagine di me che fosse la più lontana possibile da quella che mi rimandavi tu, fottuto desiderio.
e quanto è facile dire “vivi, ama spera respira sogna!”. è facile per chiunque! già, per chiunque non riesca a mettersi neanche un po’ nei miei panni, nella mia testa! perché invece io non lo trovo affatto facile, compressa combattuta caracollante nell’abisso che separa ogni desiderio dalla realtà. perché nella mia mente è tutto costruito perfetto profumato e colorato di aspettative, di felicità, di bellezza. è molto più facile di quanto chiunque possa mai volermi insegnare. se non fosse che nella realtà non funziona, non ci sono ricette né vie d’uscita comode, non ci sono soluzioni pronte all’uso né pulsanti da premere. ci sono compromessi e delusioni e strappi e dolori, che provoco a me stessa, che provoco ad altri, in un continuo rincorrersi di prese di posizione e responsabilità e contrasti.
non ti voglio più qui, voglio cancellarti, eliminarti, senza che tu possa lasciare traccia di te stesso, come se non ci fossi mai stato. voglio che non ti venga neanche in mente di tornare, che tu mi veda così esasperata e arrabbiata e contrariata da spaventarti, da farti rintanare nell’angolo oscuro da cui sei venuto fuori. starò meglio senza di te, fottuto desiderio, e riuscirò a ripulire ogni scia del tuo passaggio, ogni ricordo legato a te, ogni altro desiderio che possa ricondurmi a te. e sul silenzio che lascerai potrò ricostruire.

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: Quanto è facile! | la memoria dei pensieri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

arcanamea

“Noi non vediamo le cose come sono, noi le vediamo come siamo.” (Talmud)

la stanza dei pensieri

pensieri in disordine

Tatiana Martino

-illustrAutrice-

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Lo Schiaffo

ti arriviamo diritti in faccia

Estro e Fornelli

La passione che passa attraverso il palato

Confessioni di una mente Cinica Isterica e Romantica

Non si è mai abbastanza pronte per uno stronzo

la prima notte d'estate

strade diritte e pensieri curvilinei

Sendreacristina

Opere. (tell : 3403738117 )

Tioly Shore

L'idea mi è nata mentre ero seduto sulla tazza. Quella che uso per fare colazione.

pensierifusi

Un posto dove scrivere

Cammello Blu

Le cose che non capisco

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

filosofo79

io, me e l'Altro: dove il silenzio è talvolta rotto da Alberto Trentin

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

LE PAROLE PER DIRLO

"Le parole sono l'impronta che lasciamo volando via". (A. Tabucchi)

im1dreamer

Ai sognatori e ai folli, perché in fondo sono la stessa cosa.

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Diario di un 35N ( anche se non lo sono più)

idee e opinioni della mia quotidianità

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

aMe's world

Welcome to aMe's world. I'll show you my illusion.

Emozioni in immagini

Le cose sono unite da legami invisibili. Non puoi cogliere un fiore senza turbare una stella. (Galileo Galilei)

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

La vita è bella

diario semiserio e surreale di vita vissuta

la memoria dei pensieri

contenitore di parole in libertà

rossaho

Tanti secondi messi insieme fanno una vita intera...

Ombra

contenitore di parole in libertà

Manuel Chiacchiararelli

Writer, photographer, explorer

Vince e il mondo

Per lo più cazzate e deliri

andreapalazzopalix

This WordPress.com site is the cat’s pajamas

Il vento cambia

Per chi ha voglia di aria nuova

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: