L’una e l’altra

L’UNA…

Piove. Cazzo. È mai possibile che ogni lunedì debba iniziare in tragedia? Apro gli occhi e sento il rumore della pioggia sugli scuri della finestra. Ecco. Oggi sarà un’altra giornata di merda. Traffico in tilt, ombrelli che si scrociano e ti sgocciolano addosso, i miei appuntamenti che saltano! Mi affaccio alla finestra: questo cielo cupo, grigio, non fa altro che intristire ancora di più i miei pensieri.

Ho sognato stanotte e ora non ricordo nulla. Cavolo, non riesco mai a fare mente locale sui sogni. Appena cerco di focalizzarli, spariscono, me li perdo subito. Una volta non era così. Sto invecchiando.

Questo lunedì, poi, è arrivato troppo in fretta. Il fine settimana è stato assolutamente inutile per recuperare sonno forza e voglia. Già non vedo l’ora che sia venerdì, per lasciarmi passare addosso quest’altra settimana d’inferno. Se penso a tutte le cose che devo fare in questi giorni, mi sento male.

So già che arriverò tardi a lavoro perché per strada ci sarà un delirio di macchine, quando piove escono fuori come lumache, fra l’altro lente come loro. Dovrò ascoltare sempre gli stessi discorsi tutto il giorno, dire sempre le stesse cose e far trascorrere questa giornata facendo meno danni possibile. Mi sa che mi converrà dire ai miei colleghi che non è giornata, così magari c’è qualche speranza che mi lascino perdere, senza rompere come al solito.

E quando la giornata sarà finita, devo pure fare la spesa e affrontare nuovamente caos e traffico e tornare a casa e cucinare e sistemare e mettere a tacere questo giorno iniziato storto. E domani si ricomincia. Diamine!

… L’ALTRA

Piove. Com’è diversa questa città lavata dalla pioggia. Se non altro, ha aspettato il lunedì per cadere giù, risparmiando il fine settimana. Apro gli occhi e sento il rumore della pioggia sugli scuri della finestra. Mi godo qualche altro minuto sotto le coperte calde. Chissà che giornata sarà oggi? Credo che mi convenga uscire di casa qualche minuto prima del solito. Mi affaccio alla finestra: il cielo è proprio grigio, mi ricorda di quando mia nonna mi insegnava i trucchi per prevedere se il tempo potesse migliorare.

Ho sognato stanotte e ora non ricordo nulla. Mi capita spesso di non ricordare i miei sogni. Forse da quando non riesco più a mantenere un collegamento stretto con la mia parte più profonda, presa da troppe cose. Una volta non ero così. Sto crescendo.

Questo lunedì è arrivato molto in fretta. Sarà perché il fine settimana è stato intenso e pieno di tutte quelle cose che durante la settimana non riesco a fare. Spero che venerdì prossimo arrivi con calma, un po’ perché sono tutti giorni della mia vita che non torneranno più e sarebbe bello pensare di renderli speciali e non dover sperare che passino in fretta, un po’ perché ho tante altre cose da fare e voglio sfruttare tutto il tempo a mia disposizione.

Ora, mi metto in moto ed esco velocemente, così evito di prendermela con tutti quelli che sono costretti, come me, a prendere la macchina. Poi mi dedico al mio lavoro cercando di dare una svolta ai discorsi, voglio inventarmi qualcosa di nuovo per non dover fare sempre le stesse cose.

E quando la giornata sarà finita, andrò a fare un po’ di spesa per cercare qualcosa di buono per la mia cena di stasera, per coccolarmi un po’ e chiudere la giornata come si deve. E domani si ricomincia. Ottimo!

Immagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

arcanamea

“Noi non vediamo le cose come sono, noi le vediamo come siamo.” (Talmud)

la stanza dei pensieri

pensieri in disordine

Tatiana Martino

-illustrAutrice-

Lupetta above all

...i miei pensieri...

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Lo Schiaffo

ti arriviamo diritti in faccia

Estro e Fornelli

La passione che passa attraverso il palato

Confessioni di una mente Cinica Isterica e Romantica

Non si è mai abbastanza pronte per uno stronzo

la prima notte d'estate

strade diritte e pensieri curvilinei

Sendreacristina

Opere. (tell : 3403738117 )

Tioly Shore

L'idea mi è nata mentre ero seduto sulla tazza. Quella che uso per fare colazione.

pensierifusi

Un posto dove scrivere

Cammello Blu

Le cose che non capisco

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

filosofo79

io, me e l'Altro: dove il silenzio è talvolta rotto da Alberto Trentin

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

STILEMINIMO

FACCIO PASSI

LE PAROLE PER DIRLO

"Le parole sono l'impronta che lasciamo volando via". (A. Tabucchi)

im1dreamer

Ai sognatori e ai folli, perché in fondo sono la stessa cosa.

Carlo Galli

Parole, Pensieri, Emozioni.

Diario di un 35N ( anche se non lo sono più)

idee e opinioni della mia quotidianità

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

aMe's world

Welcome to aMe's world. I'll show you my illusion.

Emozioni in immagini

Le cose sono unite da legami invisibili. Non puoi cogliere un fiore senza turbare una stella. (Galileo Galilei)

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

La vita è bella

diario semiserio e surreale di vita vissuta

la memoria dei pensieri

contenitore di parole in libertà

rossaho

Tanti secondi messi insieme fanno una vita intera...

Ombra

contenitore di parole in libertà

Manuel Chiacchiararelli

Writer, photographer, explorer

Vince e il mondo

Per lo più cazzate e deliri

andreapalazzopalix

This WordPress.com site is the cat’s pajamas

Il vento cambia

Per chi ha voglia di aria nuova

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: